LA SPAGNA PRESENTA LA PRENOTAZIONE DEL POSTO SPIAGGIA MEDIANTE APPLICAZIONE MOBILE - DOBBIAMO PRENOTARE ANCHE L'INGRESSO ALLE SPIAGGE CROATE?

Caneta, una popolare città turistica del Mediterraneo a nord di Valencia, consentirà "solo" 5.000 visitatori o bagnanti al giorno sulla sua famosa spiaggia locale, che è la metà del numero normale, per mantenere le distanze sociali, ha deciso il Consiglio comunale di Caneta.

E quindi, dovrai prenotare in anticipo il tuo posto in spiaggia tramite un'apposita applicazione mobile. Inoltre, verrà introdotto un limite di tempo, quindi sarà possibile prenotare un posto per prendere il sole mattutino e godersi il mare, oppure nel pomeriggio, ma non tutto il giorno.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Inoltre, per mantenere la distanza tra i visitatori, in accordo con le raccomandazioni degli epidemiologi, Cane ha annunciato l'installazione di una rete speciale sulla sabbia, qualcosa di simile a una grande rete da calcio, con quadrati del diametro di 2x2 metri.

Anche in una città spagnola Consiglio di Sanxenxo, ha deciso un approccio diverso. Sono con pali di legno e "corda" anche in spiaggia per realizzare quadrati di 3 × 3 metri. Ci saranno un totale di 780 postazioni in spiaggia distribuite in più settori. Ogni settore avrà un colore diverso e, a seconda del numero di persone, potrà essere facilmente ampliato aggiungendo 2, 3 o 4 posizioni aggiuntive.

In totale, la spiaggia di Silgar avrà 780 metri quadrati nelle nuove condizioni, il che significa una capacità che va da 1.560 a 2.340 persone o il 50% in meno di capacità rispetto a prima.

Guarda il video QUI

Il governo locale prevede di applicare questo modello ad altre spiagge cittadine come Panadeira o Caneliñas, e altre città spagnole stanno considerando lo stesso. Presto vedremo sicuramente soluzioni simili anche in altri paesi, poiché alcune destinazioni in Grecia e in Italia stanno già elaborando un piano per utilizzare le spiagge in condizioni speciali.

CHI CONTROLLERÀ IL NUMERO DI PERSONE SULLE SPIAGGE?

"La città o gli hotel dovranno fare attenzione che non ci sia contatto fisico sulle spiagge. Non ci sarà nessun asciugamano da asciugare"Ha detto Krunoslav Capak la scorsa settimana.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Sarà sicuramente necessario occuparsi del controllo della spiaggia, e non è ancora chiaro chi lo controllerà e come. Certo, la Croazia non ha una spiaggia lunga un chilometro come la Spagna e ha una lunga fascia costiera (area costiera 31.067 km²), quindi sicuramente tutti troveranno il loro posto al sole, ma non dobbiamo dimenticare che siamo conformisti e che il la pressione continuerà sulle spiagge popolari.

Lo spostamento delle città spagnole è certamente nel contesto della "nuova normalità", almeno fino a quando non verrà trovato un vaccino. Che ci piaccia o meno la mossa, è certamente una questione di comportamento responsabile e un tentativo di portare sotto controllo l'intera situazione attorno alla potenziale ulteriore espansione del Covid-19.

La domanda è se avremo misure simili per l'ingresso alle spiagge croate sovraffollate?

Perché un errore o un rilassamento, come stiamo assistendo al caso a Spalato e Brač, può essere fatale. E poi nessuno è da biasimare, cioè nessuna responsabilità. Certo, gli errori accadono e sono, siamo realistici, previsti in tali emergenze, ma dobbiamo conoscere regole chiare e avere un sistema di controllo, cioè prevenzione.

Fonte: HrTurizam.hr

- Anno Domini -

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Dose settimanale migliorebolquei testimoni turistici. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti di cui sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.