Vukovar Nocturne: una storia di amore e coraggio, una storia di vittime ed eroi

Il mese è novembre, un mese in cui la gente di Vukovar smette di ridere. Per quanto si cerchi di accettare la vita con tutte le sue gioie e dolori durante l'anno, con l'arrivo del penultimo mese dell'anno, il pensiero torna al periodo più tragico della storia recente e un sorriso muore sulle labbra, e la tristezza è riflesso dagli occhi.

Il notturno di Vukovar è un vero resoconto di ciò che è stato vissuto. È una storia di amore e coraggio, di forza e dolore, di dignità umana e di vittoria della vita. La storia della tragedia di una nazione, di vittime, eroi, sfida e orgoglio è stata tradotta in Vukovar Nocturne, che unisce tutti i luoghi della città che portano il ricordo della Guerra della Patria.

Nonostante gli anni che sono passati, i ricordi non svaniscono, né l'intensità dei sentimenti. Si intrecciano emozioni, dalla profonda tristezza, ai sentimenti di impotenza e incertezza, perché non hanno ancora trovato tutte le vittime, a sentimenti di sfida e immenso orgoglio.

All'inizio del 1991, nessuno avrebbe potuto immaginare gli eventi che sarebbero seguiti, né la scala che avrebbero assunto.

Magazzino Vukovar Velepromet
Foto: Miroslav Schlafhauser

BATTAGLIA PER VUKOVAR - LA BATTAGLIA PIÙ SANGUINARIA DELLA GUERRA IN Patria

Le prime vittimeHomeland War caddero a Pasqua, il 31 marzo 1991 a Plitvice. Solo un mese dopo, il 2 maggio 1991 per la precisione, l'inizio di una giornata di sole non segnò un sanguinoso epilogo. Quel giorno, a Borovo Selo, 12 agenti di polizia croati sono stati brutalmente uccisi in un'imboscata e si può dire che questo fu l'inizio dell'aggressione contro la Croazia.

La battaglia per Vukovar è stata la più grande e la battaglia più sanguinosa nella guerra della patria. È stato l'assedio di 87 giorni della città croata di Vukovar da parte dell'esercito popolare jugoslavo, con l'aiuto delle forze paramilitari serbe dall'agosto al novembre 1991.

Sebbene la battaglia abbia rappresentato una significativa sconfitta militare e una perdita simbolica per la Croazia, che non ha ripreso il controllo della città fino al 1998, la coraggiosa e coraggiosa difesa di Vukovar si è rivelata cruciale nella guerra della patria e si può dire che abbia La Croazia ha difeso a Vukovar.

Cardiff
Foto: Miroslav Schlafhauser

Le tattiche e la strategia di guerra della battaglia di Vukovar sono ora oggetto di studio in molti studi militari e hanno notevolmente contribuito a riconoscimento internazionale della Croazia che seguì solo due mesi dopo l'occupazione di Vukovar, il 15 gennaio 1992.

Simboli della città

Mentre cammini per le sue strade oggi, è difficile immaginare che Vukovar sia stata completamente distrutta negli anni 'XNUMX. Solo il Vukovar Water Tower ha tenuto. Si alzò con aria di sfida sopra la città, urlando silenziosamente.

  • Torre dell'acqua - l'edificio più alto e visibile di Vukovar, colpito da oltre 900 proiettili, ha subito 640 ferite di guerra.
Torre dell'acqua di Vukovar
Torre dell'acqua di Vukovar, foto: Miroslav Šlafhauser

La torre dell'acqua è l'inizio e la fine di tutto, stava in piedi, non si è arresa ..., non l'hanno data ... Hrvoje Dzalto, Ivica Ivanika... Nomi abbastanza ordinari di persone insolite. I nomi di due veterani, che, grazie al loro coraggio e immenso amore per la Patria, hanno continuato a vivere dopo la vita. Ogni notte salivano coraggiosamente in cima alla Torre dell'Acqua, erigendo una nuova bandiera croata intatta più e più volte, e così ogni mattina davano alla gente di Vukovar nuova speranza e forza aggiuntiva.

Vukovar water tower vukovar
Torre dell'acqua di Vukovar, foto: Miroslav Šlafhauser

La città sei tu

La città stava lentamente risorgendo dalle ceneri, riprendendosi, ciascuno dei suoi abitanti intessuto in essa alcuni dei loro ricordi, in modo da assomigliare il più possibile all'ex Vukovar e confermare l'affermazione Sinisa Glavašević: "La città... quello sei tu". L’unica cosa che manca sono le persone che se ne sono andate e non possiamo riportarle indietro. Possiamo ricordarli, amarli... Hanno fatto parte della nostra vita e hanno lasciato un segno profondo nella storia della loro città e della loro terra.

Strada Trpinjska Vukovar
Casa commemorativa dei veterani croati, foto: Miroslav Šlafhauser

La storia della tragedia di una nazione, di vittime, eroi, sfida e orgoglio, viene tradotta in Vukovar nocturne che unisce tutti i luoghi della memoria della città. Il notturno di Vukovar è un mosaico di ricordi, composto da fili che insieme formano un insieme, toccante, commovente, indimenticabile… intessuto nella verità di Vukovar.

Torre dell'acqua di Vukovar, foto: Miroslav Šlafhauser

È amore, dolore e orgoglio e uno sforzo per non dimenticare l'esperienza, ma anche per non ripeterla.

Vukovar è un luogo di speciale pietà patriottica

Ogni luogo della città, ogni passo nasconde una storia, un segreto, un nome, un sacrificio. Devi solo fare uno sforzo per conoscerla. Il notturno di Vukovar comprende il memoriale a Borovo Selo, la via Trpinjska - cimitero dei carri armati, la casa dei veterani croati, la strada del mais, Velepromet, il luogo della memoria - ospedale di Vukovar 1991, l'area commemorativa di Ovčara, il cimitero commemorativo delle vittime della guerra nazionale, il centro commemorativo della patria Guerra di Vukovar, Croce alla confluenza del Vuka con il Danubio, Torre dell'acqua, Jean-Michel Nicolier, Monumento al padre e al figlio, Elenco delle vittime di Vukovar nella Guerra nazionale.

Ovcara Vukovar
Casa commemorativa di Ovčara, foto: Miroslav Šlafhauser

Non si può dire quale sia il luogo più suggestivo e commovente. Soltanto dopo aver visitato tutte le location si prende coscienza della realtà di quel 1991 e sentire il pesante peso della tristezza. Ma allo stesso tempo rimani sorpreso dalla forza delle emozioni e rimani semplicemente senza parole per un po', finché le impressioni non si calmano.

Nel centro di Vukovar, alla confluenza del Vuka e del Danubio, è stato eretto un monumento a tutti coloro che hanno dato la vita per una Croazia libera e indipendente. In un luogo dove c'era sempre solo la vista di un fiume ampio e possente, ora si erge una croce bianca, come simbolo e come ricordo, ma anche monito.

Croce sul Danubio Vukovar
La croce alla confluenza del Vuka nel Danubio, foto: Miroslav Šlafhauser

"Abitudine vive chi perisce onestamente", è inciso nel più antico alfabeto croato, l'alfabeto glagolitico. E vivono in noi, e noi viviamo con loro ogni giorno.

Nel cortile del convento francescano e nella chiesa parrocchiale di S. Filip i Jakov a Vukovar, su una collina sopra il Danubio, ha trovato il suo posto elenco in memoria di tutte le vittime di Vukovar nella guerra della patria – tutto in un unico posto. È stato un lungo viaggio pieno della paura di non lasciare nessuno indietro. Sono scritti qui con profondo rispetto umano e gratitudine e non possono essere solo una parte delle statistiche. I loro nomi sono storia e stimolo per il cammino della pace. Li ricorderemo sempre con amore e pregheremo per la loro pace eterna e la loro risurrezione.

Torre dell'acqua di Vukovar
Torre dell'acqua di Vukovar, foto: Miroslav Šlafhauser

Se ci fossimo fermati e non ci fossimo mossi in avanti, sarebbe stata la nostra sconfitta e la nostra resa, questo è tutto il nostro GRAZIE a loro.

La torre dell'acqua restaurata è un simbolo di comunità

Alla vigilia della commemorazione dell'anniversario Ricordi della vittima di Vukovar Nel 2020 è stata inaugurata la rinnovata Torre dell'acqua di Vukovar. Da edificio per l'approvvigionamento idrico è diventato un eroe del nostro tempo e un simbolo dell'unità della Croazia.

Vukovar water tower vukovar
Torre dell'acqua di Vukovar, foto: Miroslav Šlafhauser
  • La torre dell'acqua oggi - un punto di riferimento e un cartello - si erge in piedi e orgogliosa, nonostante le ferite e tutto ciò che ha vissuto e conserva i ricordi del glorioso passato e delle persone coraggiose.

Vukovar è una metafora della vita

Proprio come nulla nella vita è semplice, ma tristezza e gioia, lacrime e risate, alti e bassi sono costantemente intrecciati, così è a Vukovar. Ha attraversato il suo calvario, ma non l'ha spezzato.

///Vukovar – dove il Danubio bacia il cielo

Ha il suo Vukovar nocturne che è sia tristezza che orgoglio, ma c'è anche Danubio e Vuku, Vučedol e Adica, persone e monumenti per i quali è famoso, il primo premio Nobel croato che qui è nato, strutture turistiche e un'offerta gastronomica ampiamente conosciuta. C'è anche Vučedol dove come simbolo di pace e continuità di vita.

Fonte e foto: Ente turistico della contea di Vukovar-Srijem

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Una dose settimanale delle migliori storie turistiche. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti che sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.