Fate una passeggiata con noi attraverso il nucleo antico della millenaria città di Parenzo

A metà strada tra Rovigno e Novigrad, sulla bellissima costa occidentale Istria, si trova la città millenaria Porec. La città sorge qui dal secondo millennio aC, quando furono costruiti insediamenti fortificati su colline facilmente difendibili. Picuga i la cima del Santo Angelo. Più tardi documenti dell'antica Grecia del VI secolo aC raccontano di un piccolo villaggio di pescatori che i romani - dopo aver conquistato gli istriani locali - avrebbero trasformato nella loro colonia. Luglio Parentio.

Il vecchio nucleo di Parenzo con ciascuna delle sue pietre testimonia una storia costruita in 2000 anni. La penisola era coperta da antichi maestri con una vera e propria rete di strade, e questa disposizione è stata in gran parte conservata fino ad oggi, e le due strade più lunghe hanno conservato i loro antichi nomi fino ad oggi - Decumano e Cardo massimo.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Sulla piazza Maratona nei tempi antichi del regno dell'imperatore Augusto c'erano due templi: uno dedicato al dio Marte, l'altro a Nettuno. Da qui probabilmente deriva il nome Marafora - Piazza Marte. Maratona je anticamente era la piazza centrale, il foro, con importanti edifici pubblici e amministrativi, e parte dell'originario marciapiede di Marafor e le fondamenta degli edifici sono ancora visibili sul lato nord-ovest della Piazza.

Nessun altro lavoro umano in Croazia è mozzafiato Basilica Eufrasiana. Questo bene culturale più prezioso di Parenzo è stato inserito nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1997 e la basilica è l'unico monumento al mondo completamente conservato di quell'epoca. Parenzo ha avuto un vescovo sin dai tempi della persecuzione dei cristiani nel 3° secolo, e il primo vescovo di Parenzo, il Moro, fu vittima di una delle persecuzioni delle autorità romane. Dopo il suo martirio fu proclamato patrono della città e nel IV secolo fu costruita una cattedrale paleocristiana sul luogo in cui subì il suo martirio. Nello stesso luogo, nel VI secolo, al tempo del vescovo Eufrasio, fu costruita una Basilica che comprende un atrio, un battistero, un palazzo vescovile, mosaici e resti di edifici sacri dal III al IV secolo. I mosaici raffiguranti l'interno e la facciata della chiesa sono tra i preziosi lasciti dell'arte bizantina, e raffigurazioni e iscrizioni testimoniano il regno del vescovo Eufrasio.

Sul Decumano stesso, in un angolo prominente con il Cardo Massimo, si erge Palazzo Gotico Zucatto del 1473. La sua sontuosa facciata in pietra è costruita nello stile del gotico floreale. Il palazzo ha due piani e la sua facciata è in pietra di Korcula, e riconoscibile per le sue aperture decorate con finestre singole e triple. Oggi il palazzo ospita una galleria e un blocco di case gotiche relativamente ben conservate si estende lungo entrambe le strade.

A metà strada tra Rovigno e Novigrad, sulla bellissima costa occidentale dell'Istria, si trova la millenaria città di Parenzo. Spettacolare Torre pentagonale su Decamano lo fece costruire nel 1447 dall'allora podestà Nicolò Leone sulle fondamenta di una precedente torre medievale, che fu edificata sulle fondamenta di un edificio ancora più antico, di epoca antica. Oggi sono visibili tutti e tre gli strati della torre, perché dopo approfondite ricerche alla fine del XX secolo si è deciso di presentare la stratificazione di questo edificio. Oggi la torre ospita un ristorante costruito secondo rigidi requisiti di conservazione, la cui terrazza in cima alla torre offre una vista indimenticabile al tramonto.

Parenzo Il giro kula fu edificato nel 1475, e l'ordine di costruzione fu dato dall'allora sindaco Pietro de Mula. Dopo la ristrutturazione è stato trasformato anche in struttura di ristorazione; dall'osservatorio che ora è in funzione di terrazzo si ha una vista sul lungomare e sull'Isola di San Nicola. All'interno della torre si conservano aperture di feritoie e originali scale ripide in pietra.

Un altro edificio interessante è Casa di due santi - Piccolo, una rustica casa civica rinascimentale del XV secolo intitolata ai rilievi di due santi che ne ornano la facciata. Rilievi di stile romanico, per cui si presume che siano stati probabilmente trasferiti da qualche altro edificio.

Palazzo barocco dal 1719 è oggi sede del Museo Patria di Parenzo. Purtroppo il museo è chiuso ai visitatori per lavori di ristrutturazione e creazione di una nuova mostra museale permanente. Il Museo della Patria conserva preziosi reperti archeologici di Parenzo e dintorni - dalla preistoria ai tempi moderni - oltre a importanti documenti storici e una biblioteca storica.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Fonte, foto: TZ Parenzo

- Anno Domini -

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Dose settimanale migliorebolquei testimoni turistici. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti di cui sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.