Prendi una bicicletta e cammina per scoprire i puzzle sacrali di Dignano

All'inizio, la modesta cittadina di strade pittoresche è in qualche modo unica su scala mondiale. Sono finiti i tempi in cui Dignano ei suoi dintorni decisero di lasciare in eredità il maggior numero di chiese e cappelle dell'Istria e un miracoloso tesoro sacro con la più ricca collezione di reliquie sante del mondo. Grazie a questo Dignano sta diventando un luogo di pellegrinaggio sempre più desiderabile per molti credenti dalla Croazia e dall'Europa, a a piedi i piste ciclabili a Dignano sono organizzati in modo che la ricreazione diventi un'avventura emozionante alla scoperta di enigmi storici.

Sia che tu vada a piedi o in bicicletta, puoi goderti la vista della città e l'ambiente toscano di molte chiese, resti di monasteri, siti archeologici, ex frantoi, uliveti, muretti a secco e giardini.


Passeggiata per il centro di Dignano - Basilica di S. Cose benedette e interessanti sulle chiese vicine

Abbonamento Hrturizam logo.jpeg

Chiesa di S. Blaža vanta il titolo di "la più grande chiesa parrocchiale istriana", il che non stupisce perché fu costruita per 40 anni e costò migliaia di ducati d'oro, grazie ai quali divenne una magnifica e armoniosa basilica. Ha anche il campanile più alto, alto 62 metri, che ricorda il campanile della basilica Tutto Marca a Venezia devi assolutamente controllare. In Sv. Blaž possiede 23 pregiate tele e statue. Parte del preziosissimo inventario è visibile nel museo, che ne è parte integrante, ed è noto per la sua collezione di reliquie e corpi di santi, con cui vi presenteremo tra poco.

Chiesa di S. Puoi visitare Blaž tutto l'anno. Fuori stagione con annuncio, e in stagione ad una certa ora quando è aperto. È possibile conoscere altre chiese vicine attraverso una passeggiata guardandole dall'esterno in quanto chiuse alle visite tranne nei giorni di apertura.

E cosa li rende speciali? IN Chiesa di S. Madonna Traversa c'è un miracolo in legno, ben otto altari intagliati del XVII secolo, la cui conservazione è in corso di restauro da parte dei conservatori. Quando sono presenti, si può anche sbirciare all'interno della chiesa, dove oltre all'altare si sta lavorando alla conservazione di tutti gli altri oggetti provenienti da tutta l'Istria. Acustico la chiesa di Nostra Signora del Monte Carmelo rendere speciali le immagini originali raffiguranti angeli che suonano vari strumenti. Chiesa di S. Giacobbe è considerato il più antico e molto tempo fa è accaduto qualcosa di molto importante in esso: lo statuto di Dignano è stato pubblicato nel 1492. Nella chiesa di S. Caterina si nascondono disegni incisi e graffiti (non moderni, ovviamente), e quando si arriva alla chiesa dedicata al patrono degli animali domestici Tutto Antonio Abate sappi che molti buoi e mucche venivano nel cortile per la benedizione, e il sale era benedetto per altri animali!

Nella chiesa di S. la domenica l'eterno riposo (purtroppo oggi distrutto) fu ritrovato dal primo farmacista di Dignano, Domenico Cozzetti, e chiesa di s. Crisi era la sede di una setta religiosa eretica di flagellanti che si punivano ritualmente con le fruste. Sul vialetto ovest ce n'è un altro che puoi raggiungere a piedi, e cioè chiesa di s. Roka in cui, su questa città, custodisce il protettore dalla peste di S. Rok ha spinto le avversità tanto lontano da Dignano come ha fatto per i colpi implacabili di questa grave malattia nel XVI secolo.

Una meraviglia del mondo - mummie di Dignano e una collezione di arte sacra

A Dignano, gli sceneggiatori di film sulle mummie potrebbero benissimo trovare un'ispirazione inesauribile. Vale a dire, dietro l'altare maggiore della chiesa parrocchiale di Dignano di S. Blaise, secondo la scienza moderna, si trova una meraviglia visibile del mondo. Protetti da speciali "casse" di vetro al riparo da ogni influenza, i corpi dei santi sono conservati in normali casse di legno e sono rimasti incredibilmente conservati per anni dopo la morte. Si tratta di santi per lo più non croati di nascita, ma le loro spoglie arrivarono a Dignano il 23 giugno 1818, grazie al pittore accademico italiano Gaetano Gressler, per salvarle dalla distruzione prima dell'invasione dei soldati napoleonici. È sorprendente che nella cattedrale di Dignano di S. Benedizioni archiviate ed elencate ben 370 reliquie o resti terreni di 250 santi. La diffusione di grande energia è stata misurata attorno ai corpi santi da strumenti sismologici, il che spiega le testimonianze dei pellegrini sul verificarsi di numerosi miracoli.

Visitare un'affascinante collezione di arte sacra nella chiesa di s. Blaž, ti consigliamo di dedicare abbastanza tempo perché contiene un totale di 730 opere e oggetti che coprono un periodo di tempo dal V al XIX secolo. Sarete deliziati da oggetti provenienti dalle basiliche paleocristiane, una collezione di reliquiari in vetro di Murano, metalli preziosi e legno, oltre a statue lignee, un retablo dorato del XVII secolo e raffinati ricami su tessuti preziosi di equipaggiamento liturgico. I due reperti più brillanti sono il reliquiario in cui è conservata la spina della corona di Cristo e il reliquiario di S. Simone il profeta con un pezzo di stoffa in cui era avvolto il Bambino.

Particolarmente importanti sono i registri, cioè i registri delle nascite, dei decessi e dei matrimoni a Dignano, che sono conservati dal 1559.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Una passeggiata nel centro di Dignano ti porterà al primo palazzo gotico Bettica dove potrai vedere altri tesori di Dignano come la collezione pittore Gaetan Gresler che si trasferì a Dignano nel 1818. Ci sono una moltitudine di oggetti interessanti lì; pizzi, gioielli, disegni di antichi stemmi di Dignano, dipinti e bandiere e libri rari e antichi.

rilevamento Chiesa e un kazuna in bicicletta intorno all'area di Dignano - il sentiero Kažuni e muretti a secco

Dopo una passeggiata per Dignano, suggeriamo di continuare il tour del patrimonio sacro e architettonico in bicicletta. Circolare pista ciclabile 327 Kažuni e muretti a secco vi porterà a scoprire la chiesa sul sentiero stesso o non lontano dal sentiero insieme ad alcuni dei più bei esempi di kazun istriani in pietra a secco.

Vai in chiesa Tutto Martina in cui sedeva il Tribunale dell'Inquisizione per l'Istria, il che è confermato dall'iscrizione ECCLESIA INQUISIT ISTRIAE. Proseguendo il giro sulla strada sterrata si raggiunge un ampio prato che circonda il monumento storico e culturale, il paleocristiano Basilica di S. Foske. Nelle immediate vicinanze della basilica si respira un'insolita serenità così come la provano i tanti fedeli che vi si recano in pellegrinaggio durante tutto l'anno, soprattutto a febbraio. La prima domenica dopo il 13 febbraio, festa di S. Foške, Vodnjanci vanno in pellegrinaggio dal centro di Dignano alla basilica dedicata a questo martire paleocristiano che è ornata da un portico in pietra (lopica). Tradizionalmente, dopo la messa fino al tramonto, si consuma il pranzo nei prati circostanti. E, è bene sapere, il più delle volte si tratta di uova fritte con salsicce fatte in casa, che gli istriani chiamano frittata. 

Segue l'incontro con il simbolo architettonico più riconoscibile dell'Istria. la posizione "Tre kazun" rimarrai stupito dai kažun insolitamente grandi e dalla posizione dei "due kazun" dove vedrai anche un kažun quadrato. Una volta raggiunti i resti della chiesa in bicicletta Tutto Mihovil Banjolski ricorda che i locali erano soliti godere delle terme romane qui perché facevano parte dell'insediamento scomparso. Noterai anche i resti di una basilica a tre navate Tutto Tedesco che il proprietario terriero ha incontrato nel 2008 mentre disboscava una fitta vegetazione. Ti sta aspettando alla fine Parco Kazuna inaugurato nel 2012 dove viene mostrata la costruzione di un kazun in quattro fasi. Qui c'è un centro informazioni dove puoi rinfrescarti e una stazione di riparazione di biciclette.

Una passeggiata nel Medioevo a Guran - un percorso di strade medievali

Sentiero escursionistico 111 ti porta a Guran e al suo insediamento. Guran è un insediamento altomedievale semi-esplorato vicino a Dignano, particolarmente interessante per gli archeologi. La ragione di ciò è che Guran è uno dei pochi siti di questo tipo al mondo, dato che all'epoca si usava il legno, non la pietra. Suo fratello "gemello" esiste in Francia dove è stato trovato un insediamento molto simile.

Quindi avvicinati a Chiesa di S. Cecilia che "siede" sull'edificio precedente, la villa rustica, e poi alla basilica istriana a tre navate, un tempo più grande, a Guran, scoperta solo nel 1935. Ci sono anche resti chiese di s. Simone che ricorda giorni molto impegnativi poiché si trovava all'incrocio di tre vecchie strade con muri a secco. Oggi, il nome Guran è anche una fattoria di diverse case, e c'è anche un agriturismo dove, dopo una lunga passeggiata, potrai gustare autentici piatti istriani. Assicurati di tenere a mente che Guran produce formaggio di pecora eccellente e pluripremiato.

Maggiori informazioni sui sentieri

LINK ai sentieri escursionistici

Link alle piste ciclabili

Foto di copertina: Chiesa di San Biagio / Ente per il turismo di Dignano

- Anno Domini -

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Una dose settimanale delle migliori storie turistiche. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti che sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.