Gvozdansko - la famosa fortezza degli Zrinski


Oggi nessuno dubita che i difensori di Gvozdanski rifiuterebbero un altro tentativo turco di catturare la fortezza se la natura non interferisse. E la storia va più o meno così.

Dal 1571 al 1577, l'esercito turco tentò quattro volte di conquistare Gvozdansko, il castello Zrinski, che era molto importante per la famiglia principesca per via della fonderia di minerali, fonderia e zecca (la galleria ha anche un'immagine di un tallero coniato lì). Non esagero' affermando che Gvozdansko era un caveau, all'incirca nella gamma di ciò che Fort Knox è oggi negli Stati Uniti.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Le spesse mura del forte, la determinazione e l'abilità militare dei difensori si rivelarono ostacoli insormontabili. E così sarebbe stato molto probabilmente in quell'ultimo assedio guidato dallo stesso Ferhat Pasha (fu sepolto nella moschea Ferhatija a Banja Luka). Circa 250 contadini e minatori con donne e bambini si rifugiarono a Gvozdansko, mentre l'equipaggio stesso contava una cinquantina di soldati della Guardia Zrinski. I nomi dei capitani Doktorović, Nikola Ožegović e Andrija Stepšić sono ancora scritti. Se le cronache conservate sono credibili, Ferhat Pasha aveva 10.000 soldati dalla sua parte, in parte turchi e in parte "valacchi orientali".

ferro

Nella notte tra il 12 e il 13 gennaio 1578, il freddo fu così forte che gli alberi si spezzarono. La mattina dopo, a Gvozdanski non c'erano più persone viventi. Quando i soldati turchi entrarono nelle mura, trovarono avversari congelati e mai sconfitti.

Mosso dalla volontà e dalla perseveranza dei croati, Ferhat Pasha ordinò la sepoltura secondo le usanze cristiane, rendendo così omaggio ai difensori.

ferro

Eh, ora veniamo alla parte in cui si parla di via di mezzo. Gvozdansko, che il croato Alamo e Masada in una, una parola, sta fallendo.

Personalmente ero convinto che non fossero in corso lavori archeologici e di conservazione. Se non fosse stato menzionato quando i veterani della Guerra Patria si sono radunati alla Santa Messa per rendere omaggio ai difensori di Gvozdanski prima del 444, e per rendere omaggio alle vittime dei massacri delle ultime due guerre, sarebbero arrivati ​​solo i forestali al forte.

ferro

Ciò non significa che il castello non sia interessante da visitare. Tutto il contrario - e quanto è interessante.
Gvozdansko si trova sulla strada statale D-6 che porta da Glina a Dvor. Se vieni dalla direzione di Glina, come noi, quando vedrai il cartello "Gvozdansko" dalla strada, appena sopra vedrai la fortezza. Proseguire ancora un po' dritti e girare a destra alla croce e al monumento e parcheggiare da qualche parte. Scendete ancora un po' nella valle e sulla sinistra, oltre la pianura alluvionale, vedrete un terrapieno che conduce a un ponte pedonale in legno sul fiume Žirovnica.

ferro

Quel ponte, come ho scoperto, è stato costruito di recente dalla forestale per via dei partecipanti al memoriale. Dall'altro lato c'è la salita di una ripida stradina lastricata in pietra, molto probabile fin dal medioevo. C'è un po' d'acqua lungo la strada, forse anche neve, quindi è scomodo arrampicarsi.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Interessante il terrapieno sopra il fosso, in fondo al quale si trova un canale sotterraneo in pietra. Immagino che chiudendo questo canale sotterraneo si possa creare un bellissimo lago forestale, che sarebbe un luogo straordinario per rilassarsi in qualche futuro turistico-attraente Gvozdanski.
Dopo l'argine la strada svolta a sinistra e porta dritta sotto le mura orientali del forte. Ora è abbastanza chiaro perché il forte era inespugnabile. Alto per cannoni e dispositivi bellici dell'epoca, accesso da una ripida strada, e attraverso la foresta (l'attuale foresta, da non confondere - era una radura) c'è la salita oltre i limiti dell'avventura, soprattutto sotto armatura.

ferro

La nostra guida, Dalibor, dice che veniva da una strada simile dall'altro lato, cioè l'ovest, ma che questa proprietà bolji. Si entra nel forte da sud ad un'alta torre rotonda, sopra un terrapieno, apparentemente realizzato successivamente, attraverso un'apertura nel muro all'altezza del primo piano (o piano) s.

L'ingresso vero e proprio al forte era sul lato nord e vi si accedeva tramite una scala di legno o un ponte, come si usava all'epoca, ben visibile nella vecchia pianta che allego nella galleria.

ferro

Anche se in rovina, la fortezza di Gvozdansko è ancora impressionante. Grandi finestre al secondo piano suggeriscono che un tempo esistesse un salone principesco in cui si conduceva una vita sontuosa. Il cortile interno è ricco di materiale lapideo crollato su cui da secoli si accumulano foglie, humus e piante. Un bel giorno, quando gli archeologi ottengono i fondi di cui hanno bisogno per svolgere il loro lavoro, è probabile che il forte rimanga chiuso ai visitatori per anni.

Quindi approfitta di questi giorni riluttanti di abbandono, visita Gvozdansko, guarda come appare con i tuoi occhi. Lascia che la galleria allegata a questo testo ti incoraggi a farlo.

Foto: Tomislav Beronić

- Anno Domini -

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Dose settimanale migliorebolquei testimoni turistici. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti di cui sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.