Il magico kazuni di Dignano

Punizione, le case circolari in pietra sono da secoli elementi strutturali riconoscibili della zona rurale di Dignano. Con l'insediamento permanente di quella zona iniziò la coltivazione della terra, che doveva essere prima bonificata. Le mani diligenti degli indigeni trasferirono ordinatamente e pazientemente tutta la pietra che era emersa dal terreno ai bordi del campo, quindi la accatastarono in modo ordinato e preciso, collegandola con piccoli materiali lapidei in cartongesso. L'arte della costruzione del muro a secco è una pratica antica. La posa di pietra su pietra può sembrare un compito facile, ma le pietre non trattate vengono selezionate con cura e posizionate correttamente per mantenere stabile il muro.

Sono germogliati così masière, campi recintati con pietra a secco, Sposi, enormi mucchi di pietre e caso - Kazuni. Con la loro forma e struttura, i kazuni si inseriscono perfettamente nel paesaggio mediterraneo e si fondono con il muretto a secco che racchiude i campi, i vigneti e gli uliveti.
Kažun è un'architettura popolare europea che si trova principalmente nel Mediterraneo. Edifici uguali o simili prendono il nome lungo la costa croata RivoltecemeriOrsi polariagriturismigiostrecomandanti i ordinare.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Anche dopo Dignano si espanse in una cittadina ricca di case appaiate tra loro, nei campi intorno germogliarono kazuni di forma caratteristica, con tetto conico, sapientemente disegnato, quasi tutto tondo e di varie dimensioni. L'età d'oro del kazun in questa zona è il 18° e 19° secolo, quando a causa dell'aumento della popolazione, aumentò la necessità di nuovi uliveti, vigneti, campi e allevamento di pecore.

Le caratteristiche di questa architettura senza architetto sono l'utilizzo di un unico materiale per l'intero edificio, pochissimi elementi costruttivi, una cupola in pietra che si differenzia dalla classica cupola per accatastamento in pietra ed è quindi chiamata "falsa cupola", e la velocità ed economia di costruzione.

I Kažuni erano un rifugio sicuro dalle piogge improvvise, ma anche dal sole durante il riposo pomeridiano, e non era raro passarci la notte quando il giorno era troppo breve perché la terra si completasse per le luci. A volte erano anche una buona protezione contro i ladri al momento del raccolto. Erano anche usati come ricovero per il bestiame, in particolare per le pecore.

Oggi questi edifici stanno gradualmente perdendo la loro funzione di base, ma ciò non ne sminuisce l'unicità e l'importanza per l'area di Dignano.

Per preservare questi esempi arcaici di architettura tradizionale, nel 2007 è stato lanciato un progetto “Il mio kažun - La mia casita” che da allora si tiene ogni anno nel mese di maggio. Probabilmente il maggior numero di kazun si trova proprio qui, nella regione di Dignano, e un gran numero di loro è stato demolito, trascurato o non mantenuto, e più di 200 kazun sono stati finora restaurati grazie al progetto. Parte del lavoro si svolge come un seminario pubblico aperto per tutti gli interessati, gli appassionati e il pubblico professionale, e ogni anno un numero crescente di partecipanti, non solo dall'Istria e dalla Croazia, ma anche da tutta Europa.

Grazie al workshop "My Kažun - La mia casita", nel 2013 è iniziata la costruzione Parco Kazuna, una specie di museo a cielo aperto. Proprio all'uscita di Dignano, sulla strada principale per Bale / Rovigno, nel Parco Kažun, si possono vedere quattro fasi della costruzione di un kažun. Il muro a secco che circonda il Parco è stato in parte realizzato per opera degli stessi visitatori.

Troverai i kažun principalmente nei campi, negli uliveti o nei vigneti, spesso vicino a strade sterrate, circondate da muretti a secco. Probabilmente il modo più bello per raggiungerli è in bicicletta oa piedi, e un tour del traffico a tua scelta può iniziare proprio nel Parco Kažuna.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Pista ciclabile Kažuni e muretti a secco un facile sentiero circolare conduce attraverso paesaggi unici, accanto a muretti a secco, uliveti e kazun, ma anche ad alcune delle più belle perle nascoste della regione di Dignano.

Nelle vicinanze si trovano la chiesa di S. Martino del XIV secolo, la Basilica di S. Foška del XII secolo e i resti della chiesa di Sv. Mihovil Banjolski del XV secolo. Visita la posizione dei "tre kazun" con stagni insolitamente grandi posti uno accanto all'altro e la posizione dei "due kazun" caratterizzati da un kažun quadrato. Nel Parco Kažuna c'è anche un centro informazioni dove rinfrescarsi e una stazione di riparazione biciclette.​​​​​

E un sentiero escursionistico Il mio kažun parte dal Parco Kazuna. Questo facile sentiero circolare, lungo circa 8 chilometri, vi porterà su una strada asfaltata fino a Šalvela, e proseguirà su una strada sterrata lungo muretti a secco, kazuns e splendidi uliveti. Il sentiero passa da Lokva Fontana e prosegue lungo il sentiero dei campi fino alla chiesa di Sv. Tome, poi prosegue in cerchio dall'incrocio "Strupe de lion" fino al punto di partenza, seguendo la segnaletica affissa, attraverso un interessante paesaggio rurale tradizionale di Dignano.

Oggi Kažun è inseparabile dall'identità di Dignano, è l'orgoglio della popolazione locale e un tema di inesauribile ispirazione, ma anche lo sfondo più bello possibile di molti eventi. Se il viaggio nella regione di Dignano a giugno ti porta, ascolta come suona Jazz al Kazun il 4 giugno, o tra i casinò segnare la Giornata Internazionale dello Yoga, e ti garantiamo che porterai con te impressioni che difficilmente svaniranno.

Foto di copertina: Ente turistico di Dignano, autore Loris Zupanc

- Anno Domini -

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Dose settimanale migliorebolquei testimoni turistici. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti di cui sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.