Idea per una vera vacanza: su queste 6 isole è garantita una vacanza senza rumore di auto

La loro bellezza ti lascia senza fiato e per raggiungerli devi lasciare l'auto a chilometri di distanza, a terra. Queste sono isole dove le auto sono sempre state "persona non grata" e se una vacanza senza auto ti sembra allettante, allora dovresti assolutamente esplorare diverse località della nostra costa.

La Croazia è un paese di numerose isole e isolotti. Alcuni sono raggiungibili via terra, altri in barca, ma ognuno di essi è ricco di ricchezze che vale la pena esplorare. Ti offriamo un suggerimento di sei luoghi dove puoi divertirti senza il rumore delle macchine, e il silenzio sarà rotto solo dai grilli e dal suono delle onde del mare.

Fischio

Chiudi gli occhi e immagina una foresta mediterranea, verde lussureggiante, profumata e piena di vita.

Tu sei?

Bene ... E ora intorno a quella foresta immagina un mare turchese che ti invita a nuotare, tuffarti o sederti spensierato sulla spiaggia ...

Immagina un luogo senza il rumore di un'auto… E è l'isola di Silba. È anche chiamata la porta della Dalmazia e, a parte la sua bellissima natura, è anche speciale perché è conosciuta come un'isola di pedoni. Vale a dire, non ci sono auto e motori su quest'isola, solo pochi trattori usati per rifornire i negozi. Proprio per questo, l'unico traffico per gli ospiti e la gente del posto per il trasporto di cose sono i rimorchi, i cosiddetti "carici" che sono diventati un marchio di fabbrica dell'isola.

Quest'isola di marinai e marinai è stata difesa dalle auto da un decreto emanato da tutti i locali. Sebbene un traghetto attracchi sull'isola tutti i giorni, anche un camion può sbarcare da essa, ma non deve andare oltre il porto dei traghetti. Gli abitanti di Silba si sono spinti addirittura a ridurre la bicicletta.

Sicuramente il punto di riferimento più menzionato dell'isola è Toretta - torre con scala a chiocciola esterna. Secondo la tradizione, fu costruito nel XIX secolo dal capitano Petar Marinić come ricordo di un amore non corrisposto. Trova la storia di questo amore Qui.

Unije

Questo piccolo paradiso si trova all'ombra di Lussino cinque volte più grande. Non ci sono auto a Unije e i principali mezzi di trasporto dell'isola sono i punti. La parte settentrionale dell'isola è di particolare importanza ecologica perché si trova sul percorso degli uccelli migratori. Anche la parte occidentale e sud-occidentale dell'isola nasconde le sue specialità: gli uliveti. Anche se piccoli, i sindacati possono vantarsi anche quattro specie autoctone di olivo.

Resti di una villa romana, frammenti di tegole e mattoni testimoniano l'antico insediamento dell'Unione, abitato prima della vecchiaia, come suggerisce il nome. Giardino per le località dell'estremo nord e dell'estremo sud-est dell'isola. Vale a dire, Gradina è il nome degli antichi forti illirici nella nostra regione. Secondo le iscrizioni, il nome più antico dell'isola di Nia deriva dal greco (he)neios, che significa "campo", e si riferisce al fertile campo delle bandiere. La continuità della popolazione, dalla preistoria ai giorni nostri, è confermata da numerosi reperti archeologici rinvenuti sia a terra che nella parte sottomarina dell'isola.

I lati settentrionale e orientale dell'isola sono ripidi e rocciosi, ricoperti da verdi lecci, mentre i lati meridionale e occidentale sono più piatti e formano una baia in cui è l'unico luogo dell'isola, che riflette le facciate delle sue case e fertile campi nello specchio del mare. Le "porte" dell'Unione sono isole Vele e Male Srakane, dove non c'è traffico, ma è per questo che ci sono molte api sane che attirano biologi da tutto il mondo.

Parco nazionale di Kornati e l'isola di Zut

Nelle isole Kornati, quell'enigmatico labirinto di isole, isolotti, scogli e passaggi tra di loro, regnano solo barche e navi di ogni dimensione e scopo. Sin dai tempi antichi, i proprietari sono venuti da loro nelle loro barche "da carico" multiuso - gajetas. Conosci la storia della gajeta? Leggilo vi.

Sulle Kornati si applica la regola d'oro: dove c'è una casa nella baia, c'è un ristorante, quindi le Kornati sono un paradiso per i gastro edonisti.

Parco Nacionalni Kornati la maggior parte dell'acquatorio Kornati, che nel 1980, per la sua eccezionale bellezza paesaggistica, l'interessante geomorfologia, l'ampia rientranza del litorale e soprattutto le ricche biocenosi dell'ecosistema marino, è stato dichiarato parco nazionale. Arcipelago delle Incoronate, copre un'area di circa 320 chilometri quadrati, e questo ecosistema insulare più sviluppato del mare Adriatico, che comprende ben il 12% di tutte le isole dell'Adriatico croato (1264 isole, di cui 67 abitate), e solo l'1% della superficie totale del mare croato, da tempo attira l'attenzione di numerosi marinai, subacquei, alpinisti e altri amanti della natura e di ciò che la natura ha da offrire.

Corda è una delle baie più belle situata nel cuore dell'arcipelago delle Incoronate, su un'area disabitata l'isola di Žut. Questo luogo, a 25 chilometri da Murter, è un'isola di pietra, lamponi, fichi, uva e mare cristallino. Cibo eccellente, mare caldo, vista magica e persone simpatiche ti aspettano proprio qui. Ecco perché Strunac è ​​il luogo perfetto per fuggire dalla vita frenetica di tutti i giorni. È uno degli esempi sempre più rari di natura pura e incontaminata.

Olib

Se non hai un nascondiglio sicuro per il tuo animale domestico di latta a Zara o Lussino, puoi usarlo per Olib, ma è qui che finisce l'avventura in macchina e ne iniziano di nuove. Il traffico principale dell'isola è un veicolo da golf che è stato "importato" dai rimpatriati dall'America.

C'è una baia nella parte orientale dell'isola Slatinica, un ancoraggio preferito di molti diportisti e una spiaggia preferita degli isolani e dei loro ospiti. Il mare cristallino, che dopo poche centinaia di metri è ancora all'altezza delle caviglie, e il fondale sabbioso sono il connubio perfetto per il divertimento che dura tutto il giorno.

Si dice che l'isola di Olib abbia le spiagge sabbiose più belle dell'Adriatico. Sul nostro mare la stragrande maggioranza sono spiagge di ciottoli, con ciottoli levigati dal mare che sono simbolo della bellezza della nostra costa. Le spiagge sabbiose sono molto più rare, quindi visitare le spiagge sabbiose e le calette di quest'isola è una vera attrazione.

Zlarin

Zlarin è ampiamente conosciuta per i suoi coralli, il che non sorprende affatto perché l'attività di lavorazione e caccia per loro è presente sull'isola dal 15° secolo. Nonostante ci siano dieci chilometri di strada e strade asfaltate sull'isola, il traffico è vietato alle auto e solo i trattori per il trasporto di merci portate via nave hanno un'autorizzazione al rumore.

Se vuoi vedere la mostra del corallo al museo locale, dovrai andare a piedi o "scavalcare" qualcuno con un carrello da golf elettrico. Assicurati di dare un'occhiata Leroy, una torre con un orologio pubblico situata all'interno del luogo.

I benefici del mare e della vegetazione si fanno sentire ad ogni passo, e il silenzio che si estende su tutta l'isola sarà disturbato solo dal grido di un gabbiano, dall'abbaiare di un fagiano, dal cinguettio di un picchio o dal ruggito di una civetta. Zlarin ha 2700 ore di sole all'anno, rendendola una delle isole più soleggiate dell'Adriatico. 

Susak

Susak è specifica in molti modi, ma certamente tutti la conoscono come un'isola piena di calette sabbiose poco profonde. Una curiosità meno nota è la loro costume popolare. Quest'isola con solo un centinaio di abitanti ha il costume popolare più corto d'Europa e l'unico che non copre le ginocchia.

Durante il giorno, sull'isola "operano" piccoli trattori con rimorchio, il cui rumore si sente solo quando il carico viene scaricato dalla nave.

Susak è un'isola unica dell'Adriatico sia nella sua origine che nel suo aspetto. Spessi strati di fine sabbia giallastra sulla lastra di calcare sono stati causati da antichi venti e da tempo immemorabile le persone piantano canne intorno alle loro fattorie, le cui radici penetrano in profondità nel terreno in cerca di acqua e lo proteggono dall'erosione. 

Fonte: La Croazia si nutre
Foto di copertina: Ente turistico di Hvar

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Una dose settimanale delle migliori storie turistiche. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti che sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.