I SEGRETI DEI LAGHI DI PLITVICE - IL FIUME BIANCO E 'DAVVERO BIANCO E IL FIUME NERO NERO?

spot_img

Ancora dentro la leggenda della Regina Nera descrive la creazione dei fiumi Bianco e Nero, cioè la creazione della sorgente di questi fiumi:... "Le mie lacrime creeranno acqua: l'occhio destro per la sorgente nera del fiume Nera, e il sinistro creerà una sorgente bianca per il acqua del fiume Bianco".

Ma quando mettiamo da parte la storia, l'esistenza delle sorgenti di questi fiumiciattoli carsici è dovuta principalmente alla base geologica dell'area perché le sorgenti carsiche si verificano alle faglie o al contatto di depositi permeabili e impermeabili. Le sorgenti dei fiumi Bijela e Crna si trovano nell'area delle rocce permeabili all'acqua del periodo geologico giurassico.

Il White River nasce da diverse sorgenti più piccole attraverso una base ghiaiosa-sabbiosa ricoperta di rocce che poi si fondono in un unico torrente.

Il torrente diventa presto sorprendentemente profondo, cosa non comune per un singolo torrente sorgivo, e la sua profondità supera 1 m.La ragione di questo cambiamento di profondità è l'esistenza di una diga quasi 100 m a valle della sorgente. Inoltre, il fondo è coperto in quella parte prima della diga sabbia fine di calcite bianca ed ecco la nostra risposta al motivo per cui al White River è stato dato il nome White, ed è proprio dopo questa sabbia di calcite. È interessante ricordare che sulla sponda sinistra del torrente, guardando a valle, si apre un'altra sorgente più piccola non ricoperta di sassi, ma completamente sabbia bianca. A questo punto l'acqua che fuoriesce forma delle bolle che lentamente sollevano la sabbia e la rilasciano.

Dopo una diga artificiale, il flusso del White River è poco profondo, veloce e turbolento con una moltitudine di ciottoli. Proseguendo verso l'insediamento di Plitvice Ljeskovac, il fiume Bianco si snoda, cambiando la sua profondità e il suo flusso, e sempre più spesso il suo fondo è coperto di sabbia.

L'influenza dell'uomo nel passato è stata molto significativa per questo corso d'acqua con numerose alterazioni, creazione di invasi e deviazioni del flusso, che hanno influito notevolmente sull'aspetto attuale del corso d'acqua.

Nella zona sorgente del fiume, le specie vegetali più comuni sono il sedano rampicante (penne al prezzemolo), sentina (Calta palustre) e ruscello spesso (Veronica Beccabunga). Nella sua parte a valle, questo interessante corso d'acqua è anche l'habitat di una nuova specie per la Repubblica di Croazia, le macroalghe. Hydrurus foetidus, che altrimenti è un abitante caratteristico dei fiumi di montagna freddi e puliti.

La sorgente del fiume Nera si trova sotto le alte scogliere ai piedi del monte Kik a 670 m sul livello del mare, nel cuore della foresta, circondata da faggi, abeti rossi e abeti. La base alla fonte è costituita da valute più grandi, pietre densamente ricoperte di muschio. Durante i livelli dell'acqua alta e soprattutto dopo lo scioglimento delle nevi, la sorgente si sposta di pochi metri a monte, cosa che purtroppo possiamo notare, negli ultimi 10 anni è estremamente rara. Dopo la sorgente, il flusso passa attraverso la tacca, diventando tubolare e veloce.

Nel suo percorso a valle si allarga, si snoda, diventa meno profondo e profondo mentre il substrato si alterna tra roccioso, ghiaioso e persino sabbioso. Il torrente è in molti punti intersecato da vari alberi che sono stati abbattuti attraverso il fiume Nera dopo la loro vita oa causa di alcuni disastri meteorologici.

Sul corso a valle, a circa 2 km dalla sorgente, poco prima del ponte, qui trovava posto un mulino, probabilmente alla fine del XIX secolo.

Considerando che il fiume Nera scorre attraverso l'area forestale, completamente disabitata e quasi incontaminata, per tutto il suo corso, notevole è l'ombreggiamento dell'intero corso che incide anche sullo sviluppo delle comunità vegetali e animali del fiume. Certamente è da qui che deriva il nome Black River.

Allo stesso tempo, si trovano nel corso d'acqua stesso muschi che amano l'ombra, e questo è Palustriella commutata, un muschio significativo per l'area lacustre perché partecipa al processo di sedimentazione, cioè alla formazione e crescita delle barriere di travertino. Insieme a questo muschio, nel fiume Nera trovano il loro habitat Rivulogammarus appartenenti all'ordine Amphipoda, gamberi inferiori a 10 millimetri e coleotteri del genere Riolo.

Naturalmente, oltre a questi organismi, il fiume Nera è un habitat per molti rappresentanti della fauna di acqua dolce come uccelli acquatici, tular, uccelli costieri e biplani.

Possiamo infine segnalare che i nomi di questi fiumi sono del tutto giustificati; A causa dello specifico fondo sabbioso delle sorgenti e di parti del suo corso d'acqua, il fiume White appare bianco e il Black River appare nero a causa della zona boschiva attraverso la quale passa e dei muschi che ne ricoprono il fondo.

Ma se scoprissero che il fiume Bianco sulle mappe del XIX secolo si chiamava fiume Vrbovska, aprirebbero sicuramente posti per una nuova storia!

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Una dose settimanale delle migliori storie turistiche. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti che sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.