Medvedgrad non è mai stata attaccata e nasconde il tesoro della famigerata Regina Nera

spot_img

È stato costruito 1254, dopo il catastrofico furto con scasso dei Tartari che devastarono queste zone in un raid devastante e distrussero completamente e incendiarono l'allora Zagabria, composta dal Gradec civile e dal Capitolo episcopale. Sebbene costruito principalmente per proteggere cittadini, vescovi e tesori della chiesa, Medvedgrad Grazie alla sua perfetta posizione strategica, è stato costantemente al centro della proprietà e dei disordini politici.

Nella sua storia, ha cambiato molti maestri che l'hanno vinto o perso in varie combinazioni di matrimoni, vendite, intrighi o persino cospirazioni. Sebbene straordinariamente fortificato e sempre pronto a combattere, Medvedgrad non è mai stato attaccato. Al contrario, i signori di Medvedgrad spesso riempivano il loro tesoro e i magazzini saccheggiando i villaggi circostanti e sapevano come attaccare la stessa Zagabria, politicamente o con la forza. I più famosi tra loro erano Conti di Celje, che a metà del XV secolo esercitò un tale terrore sulla città che molti residenti di Gradec fuggirono dalle loro case. Ancora oggi circolano villaggi spaventosi nei villaggi sotto Sljeme storie sulla contessa Barbara Celjska - alla famigerata Regina Nera.

È Medvedgrad abbandonato nel 1590, dopo che il forte fu distrutto da un terribile terremoto, così furono i suoi ultimi governanti Gregoriani si è trasferito in un castello molto più moderno e confortevole a Šestine. Da allora, il borgo fortificato sulla collina è andato sgretolandosi da secoli. Per molto tempo è stato visitato solo da avventurieri e cacciatori di tesori che secondo come riferito è da qualche parte sotto la città nascose la gloriosa Regina Nera.

È appena 1979 ha iniziato la ricerca archeologica sistematica, conservazione e ricostruzione muraria alcune parti di quel borgo medievale croato. Così, dalle rovine è emersa la cappella ottagonale di S. Filippo e Giacomo, la torre difensiva meridionale, il palazzo - un palazzo residenziale e alcune altre parti dell'antica fortezza.

Anni 1994 sotto la torre sud fu eretta "Altare della Patria", l'opera dello scultore Kuzma Kovačić, in cui arde una fiamma eterna in onore di tutti gli eroi croati.

Lo sapevate?

  • I governanti di Medvednica a volte nascondevano ospiti molto importanti, anche di rango reale, nella loro fortezza di montagna. È così che è rimasto lì Gianno Pannonio, conosciuto anche come Ivan esmički, un versatile pensatore del suo tempo, un umanista, un poeta e diplomatico, un vescovo e brevemente anche divieto di Slavonia che verso la fine della sua vita si unì al movimento di cospirazione contro il re Mattia Corvino. La cospirazione fallì e Jannus Pannonius si rifugiò presso il vescovo di Zagabria Osvald Thuz a Medvedgrad, dove morì nel 1472. Il versatile poeta e scienziato praticò anche l'astronomia e nelle sue opere molto prima di Niccolò Copernico registrò l'idea del Sole , il signore delle stelle.
  • Il conflitto dell'ultimo signore di Medvedgrad Stjepko Gregorijanca i Zagabria ha descritto August Chenoa nel romanzo L'oro dell'orafo che generazioni di scolari croati ricordano per la storia d'amore tra il figlio di Stjepko Pavle e Dora Krupić, figlia di un orafo greco. In un circolo vizioso di intrighi politici, odio e vendetta, l'amore proibito finì tragicamente e Romeo a Medvedgrad rimase senza la sua Zagabria Julia.
  • Nei mari mesozoici (da 245 a 66 milioni di anni fa) si depositavano calcari spesso composti esclusivamente da resti scheletrici di vari organismi marini (molluschi, lumache, spine, gessetti microscopici, ecc.). Appena minuscoli gessetti possiamo considerare ai costruttori di Medvedgrad per la maggior parte della città è costruita di lastre calcaree composte quasi esclusivamente dai loro microscopici gusci di calcite. La cava in cui è stata estratta la pietra si trovava a poche centinaia di metri da Medvedgrad, e nello stesso luogo è stata riaperta per ottenere materiali per la sua ricostruzione.

Fonte e foto: Parco naturale di Medvednica

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Una dose settimanale delle migliori storie turistiche. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti che sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.