Vinatlon in Baranja: Quest'anno abbiamo avuto anche un angolo detox

I giorni della cantina in Baranja sono iniziati l'11 giugno Vino Baranja e passeggiata, e il gran finale si è tenuto un fine settimana dopo, il 17 e 18 giugno.

Venerdì 17 giugno, nella vecchia cantina di Belje a Kneževi Vinogradi, si è svolta una cerimonia di premiazione del vino nell'ambito del Vinatlon. Titolo "Campione del Danubio" e la maggior parteboldel vino predicato graduato fu tolto La raccolta elettorale di Graševa di Mihalj Gerštmajer Jr. conquistando 91 punti dalla giuria guidata da Ivana Alpeza. La vendemmia selettiva del Pinot Grigio della cantina Zlatno Brdo ha vinto un grande oro e solo un punto in meno. Il Traminer della cantina Kalazić era il migliorebolè un vino bianco graduato senza predicato, Cuvée di ciconia nera della cantina della famiglia Josić ha preso il titolo di migliorebolè un vino rosso valutato, un rosato Radosh La cantina Papak di Ilok è stata dichiarata la migliorebolloro vino rosato.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Organizzatori da Associazione dei Vignaioli della Baranja hanno anche stampato e distribuito un opuscolo molto pratico in cui potevano trovare informazioni di base sui vigneti Baranja, i membri del comitato di valutazione, i premi principali, il programma Vinatlon e un elenco di tutte le 78 etichette di vino che sono state premiate durante la valutazione.

Dopo la cerimonia di premiazione, a “La tavola dei vini più lunga” dove i partecipanti hanno potuto degustare tutti i vini della giuria. Chef famoso Tomica Đukic, noto al grande pubblico per essere lo chef della nazionale croata di calcio (anche se questo è solo uno dei suoi riferimenti professionali), ha fatto in modo che questo evento principalmente enologico ricevesse un fantastico aggiornamento gastronomico e ha presentato la sua interpretazione al pubblico. cibo da mangiare con le mani.

Tartine alla vera Baranja, che racchiudeva tutta una ricchezza di aromi e sapori su una superficie limitata; dalla pancetta arrosto al formaggio con tartufo pannonico. Un così intrigante aggiornamento gastronomico ha conferito all'intero evento una dimensione qualitativa completamente nuova, rendendo "The Longest Wine Table" una vera sensazione eno-gastro. Tomica Đukić, allegro, sorridente, aperto e cordiale, come sempre, è stato pronto a rispondere a tutte le domande dei visitatori sulla sua interpretazione unica. cibo da mangiare con le mani, così come gli stessi viticoltori di cui abbiamo degustato i vini dopo aver ricevuto premi per loro.

Dopo la vecchia cantina di Belje, il programma si è spostato nelle piscine di Kneževi Vinogradi, dove si è svolto il primo bagno notturno dell'anno, dove i visitatori hanno potuto divertirsi cocktail di vino. Era tutto solo un'introduzione al sabato, la giornata principale del vinathlon.

È stato determinato come luogo surduk riformista che, come suggerisce il nome, inizia presso la Chiesa Riformata a Dragon. Due chiese in un villaggio sono un riflesso del multiculturalismo di Baranja, ma alcuni posti come Karanac hanno anche tre chiese. Karanac ha "traboccato" Zmajevac in termini di numero di luoghi di culto, ma è per questo che Zmajevac è in testa in tutta la Baranja in termini di numero di cantine, quindi è orgogliosamente chiamata la capitale del vino della Baranja.

A differenza della stragrande maggioranza degli altri eventi dei draghi che si svolgono nel surduk cattolico, questo Vinatlon è stato, come abbiamo detto, tenuto in quello Riformato perché era sempre in qualche modo all'ombra del primo, ed è ugualmente bello e mistico. Quando si parla di misticismo, basta guardare quegli alligatori di più di cento anni, e gli antichi ornamenti popolari ungheresi che stanno sulle loro porte, finestre, enormi chiavi di metallo più grandi del palmo con cui si aprono e poi assaggiare quel buon vino Baranja e chiudi gli occhi e abbandonati a una macchina del tempo virtuale - immagina cosa stava succedendo in loro e come generazioni di nostri predecessori hanno mangiato quel buon vino Baranja e altri frutti della terra della Baranja, come l'uva dei vigneti veniva portata da cavalli trainati da cavalli carrozze e come le ragazze del villaggio gettavano l'uva nelle tinozze e come l'uva diventava vino nel grembo di Bansko Brdo.

Ma proprio come il vino veniva gustato qui in passato, e gli inizi risalgono all'epoca dei romani, così lo si gode oggi, ed è esattamente ciò che servono eventi come il Vinatlon. Quelle aziende vinicole che non hanno una cantina nel Surduk riformato avevano apparire sta e tutta la strada era piena di quel buon vino Baranja. Dopo averli visitati una settimana prima a Banski Brdo, è stato un vero piacere nei vigneti e visitarli nelle stesse cantine, cioè in apparire punti in surduk.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Azienda vinicola Collina d'Oro che recentemente ha portato a Baranja il primo oro dal Decanter di Londra si trova all'inizio del surduk sulla destra e nello spazio vuoto accanto alla cantina hanno allestito dei tavoli a forma di botti di vino con un dj che suonava musica e creava un'atmosfera urbana che non si è scontrato con l'ambiente rurale. Cantina Zajec che a sua volta ha il suo alligatore in cima al surduk sulla sinistra ha portato musicisti rom che avevano di nuovo un po' del loro talento. E tutto questo si sovrappone e coincide armoniosamente a Zmajevac, la capitale del vino della Baranja.

Alcune nuove speranze di vino come una cantina Mészáros Armonda per la prima volta si sono presentati a un pubblico più ampio. Nella Baranja nascono costantemente nuove e nuove storie di vino, sia da parte di investitori che vengono dall'estero, sia dalla popolazione residente, che le conferisce una dinamica e un fascino speciali.

Come al Vinatlon dell'anno scorso, si è tenuto quest'anno Bacchthlon - una gara in cui squadre di due membri spingono botti di vino dall'inizio alla fine del surduk. I partecipanti sono stati divertiti dal modo in cui le squadre hanno spinto le canne, si sono girate, hanno deviato dalla traiettoria e i concorrenti sono inciampati. Alla fine, tutti hanno raggiunto le loro botti per quell'obiettivo, e sfiniti dal sole splendente di giugno e dalla gravità (ovviamente spinge verso l'alto, non il contrario), hanno finalmente trovato refrigerio in quel vino Baranja, e la maggior partebolne furono ricompensati.

ricerca vinathlon

Il concerto è iniziato prima del tramonto Galli la cui musica si è fusa bene nell'atmosfera, e dopo il concerto le squadre si sono schierate nei sotterranei e il divertimento è durato come sempre fino alle prime ore del mattino. Abbiamo accolto l'alba come vuole l'usanza nel gator degli Zaječs nel surduk cattolico, perché lì, secondo l'usanza già consolidata, gli afterparty sono i più rumorosi e divertenti.

Perché non puoi venire a Baranja per qualche ora. A Baranja le ore volano come minuti e ogni ora ti sembra estremamente importante perché Baranja connette le persone, porta serenità, ottimismo e ispirazione. In una parola, soggiornare in Baranja è un rimedio universale per tutti i problemi dell'uomo moderno: stress, lotta con tempo e finanze limitati, ecc., ecc... Baranja ti impregna del suo fascino e una volta che ne senti il ​​fascino torni sempre ad esso.

La particolarità di questo Vinathlon è stata anche Angolo disintossicante su cui si possono degustare caffè e tè freddi perché il vino Baranja può essere ingannato se trattato con troppa golosità. L'avidità è una cattiva caratteristica umana e ovviamente in quel caso è colpa dell'uomo, non solo del vino. Dal momento che è ancora un evento sul vino Angolo disintossicante si potevano anche degustare infusi di tè e vino - Vino infuso di tè di TEA - Tea Exploration Academy. Questo concetto esiste nel mondo da molti anni e la Croazia, purtroppo, come in molte altre cose, è in ritardo. Dopo la prima di maggio al Valpovo Cheese and Wine Festival, sono stati presentati per la prima volta in Baranja infusi di tè e vini.

I caffè e i tè freddi sono ottimi, ma prima di lasciare Baranja, che era già domenica pomeriggio, ci siamo goduti l'acqua della fontana pubblica della Chiesa Riformata e abbiamo pranzato "al cucchiaio" nella cantina Zlatno Brdo. Per non esagerare nell'acqua a Zlatni Brdo, abbiamo bevuto la loro grande Graševina a pranzo. Tutti parlano della loro cuvée Gold - una miscela unica di Riesling del Reno, Chardonnay invecchiato in barrique e annate selettive di Pinot Gris e Traminer, che recentemente hanno fornito a Baranja il suo primo oro da Decanter e non hanno ottenuto solo un punto per il riconoscimento di platino, ma non vanno trascurati i loro altri vini come il Graševina.

Recentemente ho sbirciato nel loro seminterrato e non vedo l'ora del prossimo Decanter. I vigneti di Baranja hanno tutte le predisposizioni per essere un marchio sulla scena vinicola globale e la destinazione enoturistica per eccellenza, come dimostra il Vinatlon di quest'anno.

- Anno Domini -

ULTIME USCITE

Iscriviti alla nostra newsletter

Dose settimanale migliorebolquei testimoni turistici. La newsletter ti offre una panoramica degli eventi e degli argomenti più importanti di cui sono stati scritti sul portale turistickeprice.hr

Il tuo indirizzo e-mail verrà archiviato in modo sicuro e utilizzato solo ai fini del sito turistickeprice.hr e non verrà inoltrato a terzi.